L’Estonia si tinge di rosa: due donne ai vertici del Paese

Il governo estone si prepara ad un equilibrio che non ha precedenti rintracciabili nel corso della storia: un equilibrio di genere nell’assegnazione delle cariche ministeriali. Sei dei quattordici ministeri, per la prima volta, sono guidati da donne. Tale bilanciamento di genere non ha affatto alterato l’equilibrio in termini di competenze, tuttora assicurato al governo. Molte ministre, difatti, sono reduci da altri incarichi di un certo rilievo:

  • Kaja Kallas è stata nominata dal Presidente Kersti Kaljulaid (un’altra donna) per guidare una nuova amministrazione dopo il crollo della precedente.
  • Keit Pentus-Rosimannus, ex ministro degli esteri e dell’ambiente, è ministro delle finanze.
  • Eva-Maria Liimets, ambasciatrice dell’Estonia nella Repubblica ceca, è ministro degli esteri.

La Kallas ha il compito di risollevare le sorti del governo estone dopo il crollo della precedente amministrazione centrista di Jüri Ratas, premier dal 2016. È stato riconfermato nel 2019 grazie al sostegno dei conservatori di Patria e dei nazionalisti euroscettici di Ekre ma si è dimesso pochi giorni fa per uno scandalo di corruzione che ha coinvolto il suo partito. 

Paesi a confronto

Una simile conquista da parte delle donne resta soltanto una prospettiva seducente per il nostro paese. In Italia nessuna donna ha mai occupato una delle due cariche apicali, quella di presidente della Repubblica o del Consiglio. Al contrario nei paesi del nord Europa – Norvegia, Lituania, Islanda, Danimarca e Finlandia – ci sono delle leader al potere. 

Ma l’Estonia resta al momento l’unico paese al mondo ad avere un vertice tutto al femminile. 

Kaja Kallas ha già annunciato la direzione che intraprenderà: l’Estonia sarà il ritratto della modernità e del progresso tecnologico. Ma soprattutto sarà europea. La premier porta avanti l’allontanamento da Mosca, già tracciato dal suo predecessore. 

Mentre si prepara ad un’entrata trionfante in Casa Stenbock (sede del governo estone a Tallin) dichiara: “La stragrande maggioranza della popolazione è ancora d’accordo su questioni veramente importanti, come l’appartenenza all’Unione. Perciò a tutti coloro che speravano in un governo diverso, capace di non scatenare la contrapposizione, dico solo: l’Estonia sta tornando!”.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su email
Email

Seguici su

Contattaci

Veracura Trust Onlus

CF/PI: 15759161001 - Salita Monte del Gallo 21, Roma, 00165

    Newsletter

    Rimani informato sulle novità di Veracura!​