green marketing

Green Marketing e Greenwashing, quali sono le differenze?

Il Green Marketing fa parte del più ampio movimento nato per incentivare pratiche commerciali più consapevoli da un punto di vista ambientale e sociale.

I consumatori ormai si aspettano che le aziende dimostrino un impegno concreto a direzionare le loro attività attraverso criteri ambientali, sociali e di governance.

A tal fine, molte aziende rilasciano documenti, report e dichiarazioni di impatto sociale su base continuativa, in cui periodicamente informano sui propri progressi verso gli obiettivi prefissati.

Esempi tipici di miglioramenti legati all’ESG includono:

  • riduzione delle emissioni di carbonio coinvolte nelle operazioni;
  • mantenimento di elevati standard lavorativi;
  • programmi filantropici progettati per sostenere le comunità in cui l’azienda opera.

Il Green Marketing si riferisce specificamente alle iniziative ambientali, ma in un’accezione più ampia e ormai universalmente accettata gli sforzi sono orientati verso politiche sociali e di corporate governance.

Il Greenwashing è una strategia di comunicazione e marketing adottata da aziende o altre organizzazioni, che consiste nel presentare argomenti ecologici per definire un’immagine responsabile agli occhi dei propri clienti e del pubblico in generale.

Il fenomeno del greenwashing si verifica quando la realtà dei fatti non corrisponde, o corrisponde in modo insufficiente, al contenuto dei messaggi condivisi.

Alcuni dei messaggi più fuorvianti trasmessi dalle compagnie riguardano le auto a zero emissioni.

Le case automobilistiche decantano l’elevata compatibilità ambientale di un modello elettrico, ibrido o efficiente in termini di emissioni di gas serra.

A volte però non è segnalata l’origine dell’elettricità che ricarica le batterie e i problemi di riciclaggio delle batterie agli ioni di litio, molto inquinanti.

Anche il green computing o “green IT” è a rischio greenwashing.

Se da un lato infatti, grazie all’informatica e alla tecnologia è possibile risparmiare moltissima carta o consentire lo smart working, con conseguente riduzione di emissioni dovute agli spostamenti, dall’altra parte i dispositivi come cellulari, tablet e computer sono molto costosi dal punto di vista ambientale in termini di materie utilizzate per produrli.

Come difendersi dal greenwashing?

In qualità di consumatore, è necessario fare molta attenzione a:

  • fonti che le aziende presentano sui propri mezzi di comunicazione per validare la veridicità delle proprie azioni;
  • bilanci e report di sostenibilità, resi pubblici e consultabili dal sito web;
  • segnalazione sulle diciture riguardo i metodi di allevamento zootecnico o agricolo, per i prodotti alimentari o cosmetici – allevato a terra, non significa cresciuto all’aperto su un prato!
  • fare attenzione alle certificazioni da parte di enti accreditati e credibili
  • individuare precedenti e pratiche scorrette da parte delle aziende, incorse in sanzioni o in ammonimenti da parte delle autorità preposte alla concorrenza.

Resta in contatto con noi
Iscriviti alla Newsletter

    Nessun commento

    L'inserimento dei commenti è al momento disabilitato.

    [contact-form-7 id="4641" title="Contact Form Newsletter" html_id="wpcf-om-popup-newsletter"]
    <div role="form" class="wpcf7" id="wpcf7-f4641-o3" lang="en-US" dir="ltr"> <div class="screen-reader-response"><p role="status" aria-live="polite" aria-atomic="true"></p> <ul></ul></div> <form action="/green-washing/#wpcf7-f4641-o3" method="post" class="wpcf7-form init wpcf7-acceptance-as-validation" novalidate="novalidate" data-status="init" id="wpcf-om-popup-newsletter"> <div style="display: none;"> <input type="hidden" name="_wpcf7" value="4641" /> <input type="hidden" name="_wpcf7_version" value="5.3.2" /> <input type="hidden" name="_wpcf7_locale" value="en_US" /> <input type="hidden" name="_wpcf7_unit_tag" value="wpcf7-f4641-o3" /> <input type="hidden" name="_wpcf7_container_post" value="0" /> <input type="hidden" name="_wpcf7_posted_data_hash" value="" /> </div> <div class="newsletter-subscription-form"><span class="wpcf7-form-control-wrap your-email"><input type="email" name="your-email" value="" size="40" class="wpcf7-form-control wpcf7-text wpcf7-email wpcf7-validates-as-required wpcf7-validates-as-email" id="your-email" aria-required="true" aria-invalid="false" placeholder="E-mail" /></span><input type="submit" value="&#xf105;" class="wpcf7-form-control wpcf7-submit" /></div> <p><label style="font-size: 14px;" class="newsletter-privacy"><span class="wpcf7-form-control-wrap accept-privacy"><span class="wpcf7-form-control wpcf7-acceptance"><span class="wpcf7-list-item"><label><input type="checkbox" name="accept-privacy" value="1" aria-invalid="false" /><span class="wpcf7-list-item-label">Ho letto e accetto l'<a href="/privacy-policy">informativa sulla privacy</a>.</span></label></span></span></span></label></p> <div class="wpcf7-response-output" aria-hidden="true"></div></form></div>
    ['om' + campaignSlug]
    ['om' + campaignSlug]