Deforestazione in Amazzonia

L’Amazzonia si avvicina al Tipping point: la distruzione dell’intero Ecosistema

Il 2020 è stato un anno drammatico, e il Covid-19 non è l’unico responsabile. L’Istituto nazionale delle investigazioni spaziali (Inpe) ha annunciato la distruzione del secondo polmone verde del pianeta. Gli incendi in Brasile sono aumentati del 15,6% rispetto al 2019: la situazione è la più grave degli ultimi dieci anni, escludendo la deforestazione del 2015. 

La questione, già preoccupante, è precipitata lo scorso gennaio con la presidenza Bolsonaro avviata nel 2018. Il leader di estrema destra ha infatti provocato un aumento notevole della deforestazione, dando il via a una serie di interventi di distruzione ambientale

Perché?

All’origine delle sue decisioni ci sarebbe un interesse per lo sviluppo economico dell’Amazzonia, promosso però attraverso politiche favorevoli a una deforestazione indiscriminata. In particolare, il Presidente populista autorizza: 

  • Lo svolgimento di attività minerarie 
  • Lo sfruttamento del legno
  • L’allevamento e la coltura di tipo intensivo 
  • L’operato di società che praticano deforestazione violando le norme in vigore

Le conseguenze economiche di queste politiche sono fatali, tanto che i paesi del G7, già nel 2019 avevano offerto aiuti economici al Brasile. Bolsonaro li ha respinti, insieme alle numerose critiche delle potenze occidentali, accusate di colonialismo.   

Quali saranno le sorti dell’Amazzonia nessuno può dirlo, ma si può affermare con certezza che gli incendi stanno mettendo a repentaglio una delle risorse ambientali più importanti al mondo. La sopravvivenza dell’Amazzonia è necessaria per rispettare il giusto equilibrio di ossigeno nell’atmosfera. In altre parole, se viene minacciata la sua sopravvivenza, intervenire sui problemi climatici sarà una pratica da escludere. 

Resta in contatto con noi
Iscriviti alla Newsletter

    Nessun commento

    L'inserimento dei commenti è al momento disabilitato.

    [contact-form-7 id="4641" title="Contact Form Newsletter" html_id="wpcf-om-popup-newsletter"]
    <div role="form" class="wpcf7" id="wpcf7-f4641-o3" lang="en-US" dir="ltr"> <div class="screen-reader-response"><p role="status" aria-live="polite" aria-atomic="true"></p> <ul></ul></div> <form action="/l-amazzonia-rischia-il-tipping-point/#wpcf7-f4641-o3" method="post" class="wpcf7-form init wpcf7-acceptance-as-validation" novalidate="novalidate" data-status="init" id="wpcf-om-popup-newsletter"> <div style="display: none;"> <input type="hidden" name="_wpcf7" value="4641" /> <input type="hidden" name="_wpcf7_version" value="5.3.2" /> <input type="hidden" name="_wpcf7_locale" value="en_US" /> <input type="hidden" name="_wpcf7_unit_tag" value="wpcf7-f4641-o3" /> <input type="hidden" name="_wpcf7_container_post" value="0" /> <input type="hidden" name="_wpcf7_posted_data_hash" value="" /> </div> <div class="newsletter-subscription-form"><span class="wpcf7-form-control-wrap your-email"><input type="email" name="your-email" value="" size="40" class="wpcf7-form-control wpcf7-text wpcf7-email wpcf7-validates-as-required wpcf7-validates-as-email" id="your-email" aria-required="true" aria-invalid="false" placeholder="E-mail" /></span><input type="submit" value="&#xf105;" class="wpcf7-form-control wpcf7-submit" /></div> <p><label style="font-size: 14px;" class="newsletter-privacy"><span class="wpcf7-form-control-wrap accept-privacy"><span class="wpcf7-form-control wpcf7-acceptance"><span class="wpcf7-list-item"><label><input type="checkbox" name="accept-privacy" value="1" aria-invalid="false" /><span class="wpcf7-list-item-label">Ho letto e accetto l'<a href="/privacy-policy">informativa sulla privacy</a>.</span></label></span></span></span></label></p> <div class="wpcf7-response-output" aria-hidden="true"></div></form></div>
    ['om' + campaignSlug]
    ['om' + campaignSlug]